Qual è la tua rotta? Segui la bussola della Natura!

Mappa del trekking da San Piero a Cavoli
Febbraio 28, 2019

Caro amico esploratore,

oggi mi sono svegliato con la voglia di raccontarti una bellissima esperienza che ho vissuto in questa meravigliosa isola. Sono stati cinque giorni di ricerche in luoghi poco noti, che mi hanno fatto scoprire qualcosa di nuovo anche di me stesso.

Questo è il mio diario di bordo.

Primo giorno: i miei compagni di classe e io ci siamo dati appuntamento di prima mattina al Forte Inglese. Sai dov’è? Sulle alture di Portoferraio, di fronte al suo centro storico, poco lontano dall’ospedale, ti invitiamo a visitarlo! Lì ci aspettano i tutor, quattro professionisti della comunicazione che ci guideranno per cinque giorni in questa nuova avventura. Obiettivo da raggiungere: raccontare in maniera personale le esperienze che vivremo sul territorio. Per rompere il ghiaccio e iniziare a conoscerci meglio, partecipiamo a un gioco di gruppo: creiamo un ritratto disegnato dai tanti tratti dei nostri compagni, un mix di colori che ci restituisce un’immagine di noi con lo sguardo degli altri. Tante risa, un po’ di caos, imbarazzi spariti e atmosfera pronta per iniziare a lavorare.

Seguendo le nostre inclinazioni, i tutor ci suddividono in quattro gruppi di lavoro: il gruppo dei testi si concentra sulla scrittura (racconti di viaggio, didascalie, testi per gli altri laboratori); il gruppo di fotografia si prepara a scattare foto e a elaborarle per inventare storie attraverso le immagini; il gruppo video viene introdotto nel mondo del racconto visivo; il gruppo audio utilizza i suoni della natura per costruire audio storie; il gruppo web gestisce il sito (www.redazionenatura.it) e gli account social collegati, aggiornando e migliorando ogni contenuto pubblicato.

Il mio primo compito è pubblicare sulla pagina Facebook del progetto un album fotografico che racconti a chi ci segue cosa avevamo vissuto. Le ore scivolano via, tempo scaduto. Domani zaino e scarponi, andiamo a fare trekking!

C:\Users\Claudia Lanzoni\Desktop\red nat 3a scientifico\8fc9e729-1087-4d08-bc17-80fa4115637a.jpg

Secondo giorno: divertimento assicurato, partiamo per un’escursione in mezzo alla natura dell’isola, è la fine di febbraio. Dopo un breve viaggio in pullman, siamo arrivati a San Piero in Campo, nella piazzetta della chiesa ci aspettavano i tutor. Tutti insieme cominciamo la lunga camminata, seguendo le spiegazioni della guida del Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscano che ogni tanto si ferma per spiegarci aspetti specifici degli ambienti naturali che incontriamo: piante, animali. Le spiegazioni si concentrano in particolare sull’acqua, focus del nostro progetto.  Incontriamo Daniele Mattera, un giovane che fa il pastore, intorno a lui le sue tenere caprette. Raggiungiamo i resti del mulino di Moncione, un rudere di pietre antiche, testimonianza di un tempo che non c’è più, alcuni di noi entrano al suo interno. La guida ci mostra i meccanismi di funzionamento in parte preservati, ritroviamo le grandi macine.

C:\Users\Claudia Lanzoni\Desktop\red nat 3a scientifico\Fig_30.jpg

Superato il mulino, affrontiamo una lunga discesa, fermandoci spesso per catturare i suoni dell’acqua, immagini di piante e fiori, sequenze video del vasto paesaggio che ci circonda.  Arriviamo alle colonne di granito, grandi blocchi di pietra abbandonati nella macchia mediterranea, sono monumentali reperti archeologici che dall’epoca dei Romani giacciono lì.

Scendiamo rapidamente verso il mare. Pranziamo al sacco sulla spiaggia di Cavoli, oggi completamente deserta, ammiriamo il colore dell’acqua, il silenzio, la bellezza del posto.

E’ ora di tornare a casa, stanchi ma pieni di soddisfazione.

C:\Users\Claudia Lanzoni\Downloads\WhatsApp Image 2019-02-27 at 07.51.34.jpeg

Terzo giorno: ci ritroviamo nuovamente al Forte Inglese, questo monumento è la base della nostra redazione multimediale, qui passeremo le prossime giornate di lavoro. Durante la mattina discutiamo per mettere a fuoco i temi su cui costruiremo le nostre storie: come riassumere tutto quello che abbiamo visto? Non è un’impresa semplice. Le idee si sommano, ma piano piano prendono forma. Ci viene affidato il compito di scrivere delle frasi sull’importanza del mare, utili agli altri lavori in corso, così passiamo il resto della giornata fra fotografie, video e confronti con i nostri compagni di classe per trovare le frasi giuste. Le difficoltà non mancano, ma siamo comunque contenti del nostro lavoro.

C:\Users\Claudia Lanzoni\Downloads\WhatsApp Image 2019-02-25 at 12.04.16 PM.jpeg

Quarto giorno: è la giornata più impegnativa, perché il tempo passa velocemente e l’obbiettivo che ci siamo dati è completare i nostri progetti. Ciascun gruppo si concentra sul proprio lavoro: alcuni vanno rapidamente alla spiaggia delle Ghiaie per scattare nuove foto, altri montano un primo video, altri ancora registrano le storie sonore e iniziano già a pubblicare, a noi tocca un compito fondamentale, dare vita a questo diario dell’esperienza per farti venire voglia di venire a lavorare con noi!

C:\Users\Claudia Lanzoni\Downloads\WhatsApp Image 2019-02-25 at 12.04.14 PM.jpeg

Quinto e ultimo giorno: tutti i gruppi stanno ormai rifinendo i dettagli delle loro storie, i progetti hanno preso forma, mancano solo alcuni particolari. A fine mattina ci riuniamo per la proiezione finale,  ogni gruppo spiega il proprio lavoro fra battute e risate. Pubblichiamo tante storie diverse tra loro per contenuti e toni, per stili e supporti digitali, tutte basate sulla natura dell’isola d’Elba, che è stata davvero la nostra fonte di ispirazione.

E’ durata pochi giorni ma è un’esperienza bellissima che sicuramente rifarei, specialmente se tu verrai con me.

C:\Users\Claudia Lanzoni\Desktop\GRUPPO 3 SCI.JPG

                                                                   Enrico Rebua

                                                                   Benedetta Retali

                                                                   Simone Turchet

3A LICEO SCIENTIFICO R. FORESI PORTOFERRAIO

A.S. 2018/2019

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *