Nella terra del granito

Una passeggiata verso la tranquillità
maggio 23, 2017

Alla scoperta di Redazione Natura

1° giorno

Durante il primo giorno del nostro percorso con Redazione Natura ci siamo ritrovati tutti la mattina presto nel cortile di Forte Inglese, una delle fortificazioni meno conosciute e più suggestive di Portoferraio. Una volta entrati nel forte e aver visitato gli ambienti interni, ci siamo recati in una stanza dove abbiamo conosciuto i nostri tre tutor. La prima a parlare è stata l’ideatrice del progetto Claudia Lanzoni, comunicatrice freelance. Ci ha introdotto il significato del progetto e il tema specifico su cui avremmo lavorato. Abbiamo capito che Redazione Natura è un laboratorio di comunicazione pensato apposta per i giovani delle scuole superiori italiane, per far sì che conoscano e raccontino la natura che li circonda. Questa settimana è il nostro turno. Claudia ci ha spiegato a cosa ci saremmo dedicati in questa settimana di alternanza scuola-lavoro ovvero i minerali della parte occidentale dell’Isola d’Elba, in particolare nella zona di San Piero, che è una piccola frazione del comune di Campo nell’ Elba. Il minerale che andremo maggiormente ad approfondire è la tormalina (elbaite), una pietra preziosa, fatta di cristalli di grande lucentezza e di vari colori. Il secondo tutor che ha preso la parola è stato Alessandro Beneforti, fotografo e insegnante di fotografia. Ci ha illustrato alcune tecniche fotografiche, i più comuni errori che si fanno quando si scatta una foto e alcuni lavori fatti da altri studenti o altri enti. Alessandro ci ha anche spiegato come ci saremmo organizzati per lavorare insieme, dividendoci in gruppi. Ogni gruppo è come se fosse una piccola redazione che dovrà elaborare un proprio progetto narrativo. Alcuni di noi lavoreranno sulla fotografia, altri realizzeranno un video, altri scriveranno dei testi e infine alcuni compileranno le schede dell’erbario digitale e dei minerali. Ad ognuno di noi viene dato il compito di fotografare, registrare, scrivere e catalogare tutto ciò che riguarda l’esperienza che vivremo insieme. L’ ultimo tutor a parlare è Marinella Scarico, programmatrice ed energy manager. Marinella è venuta da Milano per seguire il nostro progetto. Ci ha mostrato il sito web spiegandoci come è stato organizzato. Ci aiuterà con la parte digitale, per caricare le schede, pubblicare e organizzare i nostri contenuti all’interno delle varie sezioni del sito di Redazione Natura . Nell’ultima parte della giornata abbiamo esplorato il resto del Forte Inglese, cercando un ambiente ideale per iniziare a scattare i nostri autoritratti fotografici.

 

Sassi, stelle, schiaccia, seduti su sedimenti

2°giorno

Il secondo giorno della nostra esperienza di alternanza scuola-lavoro con Redazione Natura ci siamo trovati di mattina presto allInfo Park, che è l’ufficio informativo del Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscano, e da lì siamo partiti alla volta di San Piero. Una volta arrivati, ci siamo recati al Museo Mineralogico Luigi Celleri di San Piero in Campo (MUM). Qui la nostra guida, Francesca Anselmi, che lavora per il Parco ci ha fatto una lezione dettagliata su come si sono formate le zone di maggior rilievo mineralogico sul territorio elbano, in particolare a San Piero, a Sant’Ilario e a Porto Azzurro.
Il responsabile del MUM , Giuseppe Giangregorio, ci ha portati dentro il laboratorio mineralogico del museo e ci ha mostrato pezzi di granito speciali perchè contengono elbaite e che  in presenza di raggi UV manifestano il fenomeno della fluorescenza. Successivamente in un’altra sala del museo ci è stata mostrata la tormalina e l’elbaite che è un tipo di tormalina presente esclusivamente a San Piero ed è estraibile solo all’interno della Grotta d’Oggi, una vallata a poca distanza da San Piero. Dopo la visita al museo siamo andati in un vecchio panificio per prendere la schiaccia che alcuni di noi sostenevano fosse la più buona dell’Elba. Subito dopo è iniziato il trekking con l’obiettivo di raggiungere gli unici menhir dell’Elba. Lungo il percorso ci siamo fermati accanto al campo sportivo del paese, al piazzale dell’Astronomia ,dove ci sono molti tipi di meridiane e d’estate si tengono eventi dedicati alla lettura del cielo stellato. Che vista! Mentre salivamo, ovunque intorno a noi il paesaggio: mare a sud ovest, viste aperte su Pianosa, Giglio, Argentario. Colori e luce da far paura: argento, azzurro, bianco. Siamo saliti per un’ora circa e abbiamo raggiunto i Sassi Ritti. Piccole stele di granito dalla datazione molto antica. Un posto in mezzo alla macchia mediterranea, silenzioso, quasi invisibile. Sulla via del ritorno ci siamo fermati a visitare la cava Beneforti, nata negli anni ’60. Qui Gianni ci ha mostrato dove e come avviene l’estrazione, il taglio e la lavorazione del granito. Rientrati in paese abbiamo preso il pullman per tornare a Portoferraio. Siamo dell’Elba, eppure tanti di noi non erano mai stati in quei posti.

   

Lavorando per Redazione Natura

3°giorno

Siamo giunti così al terzo giorno di alternanza scuola-lavoro. Da adesso in poi passiamo il tempo nelle stanze del Forte Inglese. Inizia la fase di editing del lavori. Nella sala riunioni abbiamo discusso e commentato la visita al museo mineralogico MUM e il trekking ai Sassi Ritti. Subito dopo ci dividiamo nei tavoli di lavoro che avevamo deciso il primo giorno (fotografia, video, testi, ed erbario).

Il gruppo delle fotografia ha suddiviso le centinaia di foto fatte durante il trekking in più categorie e ha iniziato l’editing degli scatti migliori. Chi si è dedicato al video si è occupato di scegliere le sequenze di video migliori e di iniziare una prima parte del montaggio del video finale. Il gruppo dell’erbario ha iniziato la catalogazione dei minerali che abbiamo visto al MUM e delle piante che trovate durante l’escursione. Mentre noi che ci siamo occupati dei testi abbiamo iniziato il diario dell’esperienza, cercando di descrivere, raccontare e reperire il materiale fotografico pertinente a ciò che abbiamo fatto e visto durante i primi giorni.

Editing & backstage

4° giorno

L’editing dei vari lavori continua. Come ieri spendiamo il nostro tempo per finire i compiti assegnati, arrivando tutti a buon punto. Il gruppo di fotografia completa il lavoro sui dittici affiancando ad ogni membro della classe uno dei minerali fotografati al MUM, le ragazze si occupano della pubblicazione di questi sulla pagina Facebook di Redazione Natura. I ragazzi a cui è stato assegnato il compito di creare il video sulla nostra esperienza hanno un incidente di percorso: perdono una buona parte dei filmati già montati. Segue un comprensibile momento di sconforto. Ma grazie anche all’aiuto dei tutor, ma in particolare di Alessandro riescono a rimettersi all’opera concludendo gran parte del lavoro. L’erbario è riuscito a catalogare un gran numero di minerali. Per spirito di competizione verso un altro gruppo di studenti che aveva partecipato precedentemente a Redazione Natura, catalogano senza sosta, anche fuori dall’orario di lavoro. Noi che ci occupiamo della scrittura dei testi riusciamo a pubblicare più di metà del lavoro sul sito web evidenziando le parole più importanti e inserendole nei tag. A conclusione della giornata ci ritroviamo per confrontarci sui vari livelli di avanzamento dei singoli progetti.   

 

Si conclude Redazione Natura

5° giorno

Quinto e ultimo giorno di lavoro. Ogni tavolo riesce a terminare il proprio progetto. Il gruppo video finisce il montaggio della storia anche dopo le difficoltà che avevano incontrato giovedì. I ragazzi che si sono occupati di schedare i minerali e le piante fotografati al MUM e ai Sassi Ritti finiscono la catalogazione e pubblicano sul sito web tutti gli elaborati. Il gruppo di fotografia tagga tutte le persone presenti nelle foto postate il giorno prima su Facebook e hanno aperto la pagina Instagram di Redazione Natura. Il nostro gruppo ha finito e pubblicato tutti i testi. A fine giornata ci siamo riuniti per visionare tutti i lavori fatti nei giorni precedenti e subito dopo abbiamo compilato il questionario riguardo al gradimento di questa esperienzaCi riuniamo nella sala principale e guardiamo tutti i lavori svolti. Li commentiamo confrontando vari punti di vista. Compiliamo le schede di gradimento del progetto. Il nostro lavoro sarà giudicato dai tutor. E comunque, dov’è il mio motorino?

 

Francesca Feola, Matteo Rossi

3A S ISIS Foresi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *